Le Maki sono borse realizzate in tessuto, hanno forme morbide e riescono ad adattarsi a tutte le occasioni. Grandi, medie e piccole sono capienti e pratiche perché ogni donna le possa portate quando va al lavoro, quando va al mare e quando esce la sera e forse anche quando resta in casa, perché sono così comode che alle volte ci si dimentica di averle indosso. 

Sono piccole borsette dove riporre soltanto chiavi, smartphone e rossetto o grandi borse per chi preferisce avere con sé la propria vita. Le Maki sono nate anche in versione zaino per lo studio, o tracolla per il lavoro per avere le mani libere, occupate da mille faccende. Le Maki sono universali e possono essere portate in tutti i contesti senza essere fuori luogo.

Le stoffe con cui sono fatte, sono scelte e testate personalmente da Chiara Michell, si abbinano ai vestiti e sono così versatili che non sfigurano su un abito da sera, ma sono pratiche per ospitare tutto ciò che serve. Sono rifinite con alcuni piccoli dettagli indispensabili: una chiusura e una taschina interna: un regalo gradito da fare a chi si vuole bene.

La ricerca delle stoffe spazia dalle lavorazioni dei tessuti d’arredo alle materie prime dell’alta sartoria. Sono prodotti che arrivano ad esempio dal distretto tessile delle lane del biellese alle manifatture toscane. Sono rilevati spesso da stock perché anche le Maki seguono una filosofia di sostenibilità: meno sprechi e prodotti di qualità a un prezzo equo.